Vengo e mi prendo

Bouganville - ph. di Zylenia, 'Papillon'

Vengo e ti prendo
il cuore di pietra
le mani affilate
la lingua muta
gli occhi distratti

Vengo e mi riprendo
l’ultimo istante d’amore
per me
Che ho smesso d’amare (me stessa)
quando t’incontrai
E misi al bando la stessa sostanza della madre
per costruire le pareti di un amore
già consumato.

«Ti comprerò un vaso di vetro viola per mettere i rami di bougainville che abbiamo piantato lo scorso anno».
E scambiai il vezzo per attenzione.
E scambiai l’attenzione per amore.

Rimangono sono le spine di ciò che non era,
e il flebile respiro di un’Ofelia distesa sul dorso
ad aspettare l’epilogo dell’assenza
(Lei però vivrà nonostante te. La bouganville è fiorita).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...