Carne nuda

E un’altra corrente è passata, e non fa rumore. Imparo le distanze, distolgo i pensieri e me ne cucio addosso degli altri. Sperando che passi, che passi velocemente e dimentichi quella parte di me incastrata lì…

Eric Lacombe
Eric Lacombe

[Fuori un bambino grida ‘pistaaaaa’, sento la palla rimbalzare e lo immagino vestito da superman correre incontro alla madre. Potrei descrivere il colore dei suoi occhi, le pieghe del suo sorriso, e quella corsa sbadata intrappolata in un equilibrio precario. Potrei dirti come la mamma lo accolga tra le sue braccia, chinandosi un po’, sorridendogli con tutta la gentilezza che una donna può avere nel corpo. Materna. Potrei descrivere il passante con un sacchetto di arance prese dal fruttivendolo all’angolo, il cane randagio che ha imparato ad attraversare sulle strisce attento alle auto in corsa, la sirena della banca che è improvvisamente scattata, la signora con lo sguardo triste che, da dietro il vetro della sua casa al terzo piano, pensa al marito appena morto. Potrei dirti di quel posto auto riservato agli invalidi che è ancora lì, come se il tempo in quel piccolo pezzo d’asfalto si fosse fermato in una celebrazione privata di dolore, lì proprio dove lo sguardo di quella donna cade, immaginando lui o forse il peso della sua vecchiaia. Potrei dirti del sogno di questa notte in cui tu stavi male e io non riuscivo a raggiungerti, così reale da sembrarmi il risveglio una stupida appendice del sogno, e poi dell’insonnia a manciate di respiro e angoscia. Potrei dirti di come sia stato difficile impormi di non chiamarti per chiederti se stessi bene. Potrei dirti delle scale che ho appena sceso e della donna che ho urtato per sbaglio mentre facevo la conta dei pensieri e non vedevo quello da cui fuggivo, questa realtà a metà tra finzione e me, dove il punto non è mai lo stesso, né mai del tutto tracciato.
Mi trascino tra i vicoli della città e mi riempio di altre storie, sperando si sovrappongano alla mia (nostra). Sperando che tu possa diventare presto tiepido ri-mosso… e non più morso su carne nuda
]

http://youtu.be/0USk05JUBi4

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...