Oisin Prendiville Day 14

Poesimie [residui di cassetto di Telleena]

Mi sembra di non potere desiderare niente perché tutto è già accaduto – Telleena Sbacchi

____________________________________________

Vengo e ti prendo
il cuore di pietra
le mani affilate
la lingua muta
gli occhi distratti

Vengo e mi riprendo
l’ultimo istante d’amore
per me
Che ho smesso d’amare (me stessa)
quando t’incontrai
E misi al bando la stessa sostanza della madre

«Ti comprerò un vaso di vetro viola per mettere i rami di bouganville
che abbiamo piantato lo scorso anno».
Scambiai il vezzo per attenzione.
Scambiai l’attenzione per amore.
Amavo il sapore delle nostre bugie.

ll vaso è rotto.
La bouganville è fiorita.

La bouganville è ferita.

T.S. \ Bù

_______________________

I giacinti respirano piano
le loro ultime parole
scivolano
sul pavimento freddo
e si spengono

Sorridendo mi congedo
la finestra di fronte si incastra
tra le dita ossute dell’albero
Spoglio
Assonnato
Silenzioso
Gli appendo a un amo un pensiero
e poi uno ancora
e un altro

Che non mi resta niente di me
spoglia e accovacciata in te
Nodo
Nodulo

E ci spegniamo

I giacinti respirano piano, Telleena Sbacchi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

{dove i pensieri diventano storie e le storie traiettorie ~ Telleena Sbacchi}

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: