Oggi è uno di quei giorni in cui sceglieresti l’incoscienza

Yamamoto Masao
Yamamoto Masao

Faccio la spesa, passeggio con il cane, mangio, scrivo, faccio le scale, guardo la tv, sbadiglio al mattino, mi lavo i denti, e scelgo i rigatoni agli spaghetti, la pizza alla carne. E dicono che io sorrida. E dicono che io parli e racconti storie che valga la pena ascoltare. E guido l’auto, e impreco contro l’uomo che mi ha appena tagliato la strada, e prosit alla laurea, e tanti mille complimenti, e rispondo al telefono, e apro libri che non leggerò, e sistemo i cassetti, e annuso il mio profumo sulla sciarpa che ti avevo regalato. E faccio il caffè, e il dolore fastidioso al piede, e tento di lavorare, e mi gratto la fronte. E pianifico viaggi che non farò, e scarabocchio sulla mia agenda indifferente, e guardo pagine bianche speranzosa. E faccio benzina, e gonfio le ruote della mia bici,  e scatto foto a sconosciuti, e mi godo il sole sulla faccia. Le senti le onde, le senti? E lecco la salsedine sulle labbra, e giocherello con il filo d’erba che mi è rimasto tra i capelli. E mi muovo. Dicono che io mi muova.
Ma in realtà sono ferma, immobile, su quell’ultima parola senza voce che ci siamo scambiate.

http://youtu.be/1BQsAyh5ZzI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...